Mireille Vautier fase del lavoro

Mireille Vautier, il Filo rosso della Vita

Mireille Vautier è nata in Francia e vive a New York. Ha lavorato come illustratrice per molti editori, ha ricevuto i primi premi premio alla Fiera Internazionale della Letteratura del Bambino a Bologna, in Italia, e al Salon du Livre, a Montreuil, in Francia.

Il lavoro più recente di questa artista francese è stato il ricamo su tessuto o plastica.

Mireille Vautier, Agenda 2001, 2001
Mireille Vautier, Agenda 2001, 2001

“Ricamare, per me, è un mezzo per riflettere sulla memoria, come ad esempio le memorie delle famiglie. Non solo per il fascino del ricamo, ma sicuramente anche di leggere e far rivivere la memoria di una famiglia.”

Secono Mireille Vautier il ricamo è anche un mezzo di inventare la propria storia familiare, o comunque trovare i ricordi del corpo nelle stoffe che si è vissuto, dall’inizio alla fine. L’artista immagina questi corpi che lasciano la loro impronta sul tessuto.

Mireille Vautier, Les racines carrées, 2010
Mireille Vautier, Les racines carrées, 2010

L’artista ricama anche sulla plastica, come sacchetti di plastica usati, reti… Questi oggetti di uso quotidiano hanno usi modesti, non biodegradabili oltretutto, e in questo periodo stanno diventando inutili e sempre più pericolosi per l’ambiente, gli animali e noi stessi. Mireille Vautier prende questi materiali, li sceglie, e prova a ricamare per dare loro la loro la nobiltà. L’artista usa il più delle volte il filo rosso, per lai questa scelta di colore è istintiva. Il rosso è molto potente e di impatto; Mireille Vautier si ispira ad una frase di Sheila Paine in un suo libro: ” il rosso è il sangue della vita e della morte”, scrive anche che il rosso è usato in molti paesi in due modi completamente diversi: per proteggere e per segnare.

Mireille Vautier, Cahier -  page 1, 1997
Mireille Vautier, Cahier – page 1, 1997

“Il colore rosso è per me come un talismano e una firma. Il ricamo è anche un commento sul tempo, è una cosa anacronistica ed inconcepibile nel mondo di oggi, dove prendere il proprio tempo è un lusso. Si tratta di andare contro il denaro, affermando la necessità di rallentare le cose per guardare a loro.” Mireille Vautier

http://halsey.cofc.edu/exhibitions/single_artist/mireille-vautier/