Filippo Tommaso Marinetti, Zang Tumb Tuuum, 1914

Filippo Tommaso Marinetti, Parole in libertà e molto altro

Filippo Tommaso Marinetti nasce ad Alessandria d’Egitto il 22 dicembre 1876  e muore a Bellagio il 2 dicembre 1944. È conosciuto soprattutto come il fondatore del movimento futurista, la prima avanguardia storica italiana del Novecento.

Filippo Tommaso Marinetti, Parole in Libertà, 1914
Filippo Tommaso Marinetti, Parole in Libertà, 1914, dettaglio

Nel gennaio del 1909 Marinetti manda il Manifesto del Futurismo ai principali giornali italiani. Il 20 febbraio il Manifesto venne pubblicato sulla prima pagina del più prestigioso quotidiano francese, conferendo al progetto una risonanza europea.

Le parole in libertà, inventate dal futurismo, sono una tecnica poetica espressiva del tutto nuova, in cui è distrutta la sintassi, abolita la punteggiatura e si ricorre anche ad artifici verbo-visivi. Con le parole si giocava anche prima dell’invenzione della stampa, fino ad arrivare ad Apollinaire, ma niente somiglia a quello che esplode in questi libri e poesie futuriste libro.

Filippo Tommaso Marinetti, Zang Tumb Tuuum, 1914, dettaglio
Filippo Tommaso Marinetti, Zang Tumb Tuuum, 1914, dettaglio

In questo periodo Marinetti compone “Zang Tumb Tuuum”, reportage della guerra bulgaro-turca redatto in parole in libertà. “Zang Tumb Tuuum” è il primo libro parolibero nella storia della poesia e della tipografia. Marinetti lo pubblica nella primavera del 1914.

Filippo Tommaso Marinetti, Zang Tumb Tuuum, 1914, copertina
Filippo Tommaso Marinetti, Zang Tumb Tuuum, 1914, copertina

Questo libro è anche il primo “libro d’artista”. Con questo libro inizia anche la rivoluzione tipografica di cui il futurismo italiano è precursore nel mondo.

http://www.arengario.it/book-design/il-primo-libro-dartista-zang-tumb-tuuum

https://it.wikipedia.org/wiki/Filippo_Tommaso_Marinetti